Chiavi di ricerca... sul Web


CURA DELLA CASA

- Come programmare le pulizie di casa (con un software della Nasa)

- A quanto impostare la manopola del frigorifero? 2 o 4? (amletico)

- Aceto bicarbonato missile (stai facendo esperimenti nel garage?)

- Alimento scaduto fa male alla salute (se è scaduto nel 2002...)

- Cerco un prodotto per uccidere le piante (ma perchè ?)

- Motore che va con il gas della legna (…ti accontenti di poco)

- Come piantare le vostre piante a testa in giù (eh?)

- Come si regala una valvola termostatica gas (un regalo originale!)

- Come toglier elettricita dai vestiti (staccando la spina?)

- Come togliere la puzza ai cani (... un canarino no?)

- Fiori recisi vasi troppo alti (sei un genio!)

- Il proprietario non affitta perchè ci abita (...un cecchino online?)

- Tartaruga di terra nel vaso (la tieni lì come un cactus?)

- Togliere odore di fiori in casa (ma perché?)

- Restringere lavatrice (la vuoi far diventare più piccola?)

- Pulire casa con animali (non basta la pelle di daino?)

- Serata in casa (uhm… pieno di iniziative !)

- Chiudere i vetri delle finestre prima di partire (è un promemoria ?)

- Uccidere le piante con soluzione fatta a casa (killer domestico…)

- Decoupage anziani (vuoi ricoprire tuo nonno?)

- Decoupage pentole (non mi sembra una buona idea…)

- Differenza tra bilocale e trilocale (secondo te?)

- Donna delle pulizie cosa deve pulire? (colpa delle lotte sindacali …)

- Neonato in ferie (si cerca di portarselo con sé!)

- Perche sostituire le chiavi di casa (perché dopo un po’ annoiano)

- Pulire casa dopo le vacanze (è diverso rispetto a pulirla prima?)

- Rimedio ingestione vetro (l’ospedale e velocemente !)

- Lavare con acqua bagnata ( ... e con l’acqua asciutta ?)

- Aceto per decorare (avete fantasia, devo dire…)

- Affitto in nero in immobile espropriato (alla faccia della legalità)

- Aprire il cestello della lavatrice (…io di solito provo con i denti)

- Costruire un box doccia senza lo scarico (fai le sponde alte!)

- Come lavare il cane aceto ((lui ne sarà entusiasta)

- Innaffiare le piante con acqua e sapone (misto a diserbante)

- Lavare neonato in ferie (solo in quel periodo?)

- Non pago il mutuo in quanto tempo devo lasciare la casa (..mah!)

- Scambio vacanza (versione aggiornata dello scambio casa)

- Se affitto casa entro nello stato di famiglia dell’inquilino? (... come minimo diventi cognato?)

- Dentifricio in casa (non farlo uscire, che si perde!)

- Devo lasciare la casa alla fine del contratto? (io ci rimarrei ancora)

- Innaffiare le piante senza acqua (è un po’ difficile..)

- Quale sarà nuovo tasso usuraio (la tua banca è differente?)

- Risciacquare i neonati (cerci un manuale con le istruzioni?)

- Come pulire legno sangue (… meglio non avvertire i Ris)

- La cosidetta legge Bersani (essenziale il termine ‘cosidetta’)

- Le piante vanno (e a volte vengono)

- Per togliere l’ipoteca sulla casa bisogna pagare (se non vuoi ...)

- Il mutuo casa conviene sempre farlo ? (secondo te?)

- Quelle piante vanno bene in casa? (le stai indicando con il dito?)

- 5 milioni di euro sul mio conto corrente (habra cadabra)

- Acquisto casa senza soldi (mi sa che è dura..)

- Casa umida dopo il rogito (subito dopo?)

- Come disporre i cioccolatini (io li metterei a raggiera di bicicletta)

- Donazione casa con mutuo da pagare (un regalo fatto con il cuore)

- Programmi lavatrice più lunghi di prima (prima di cosa?)

- Sostituisco il dentifricio col bicarbonato (grazie per averci avvisato)


DI TUTTO UN PO'

- Cosa cercare su internet (... magari quello che ti serve ?!?)

- Girano le palle (a chi lo dici ….)

- Grazie di tutto Albano e Romina (chi è il tuo pusher?)

- Invenzione elettrica per arricciare i polipi (mi manca ...)

- Se tu non torni che faccio ? (capisco perché non torna… )

- Pericolo cetrioli (cosa è l’ultima inchiesta di studio aperto?)

- Notizie sul (mondo? pianeta? su cosa??!)

- Ho un topo in casa (beh che dire …fortunato!)

- Si accendono i led ma non parte (che cosa?!)

- Il computer è partito (salutamelo!)

- Gay vegetariano (e allora?)

- Vorrei tanto giocare a gratta e vinci per davvero (basta 1 euro ...)

- Come non essere sfigati (... parti già malissimo!)

- 1 contro 100 zanzare (l'avranno fatto nero!)

- Perche andiamo in africa (andiamo chi? Io non vengo)

- Voglio laurearmi in svizzera (prego, fai pure)

- Debba litigato per le ferie (…eh??? …stai parlando con me?)

- Il congiuntivo chiuso per ferie (…puoi ripetere?)

- Capolavorone (Grazie!)

- Giramento di Socrate (... infatti il socrate gira un po’ a tutti)

- Imparare il giapponese in aereo (con più calma in aula no??)

- La mummia ha paura del gatto (… ne sono sollevata!)

- Come far diventare il cubo in 4 facciate (misteri della geometria)

- Dado Kubrick soluzione (... e la soluzione del dado di Knorr ?)

- Te le ricordi le rane? (…ma perché, si sono estinte?)

- Suolette per ascelle (sono utili con le maniche coi i tacchi alti)

- Ragno domestico come ucciderlo (...la classica ciabatta?)

- Foca accigliata (anche le foche hanno le loro preoccupazioni, sai?)

- Gabriel Garko stempiato Raoul Bova stempiato (invidiosi!)

- Svegliarsi derealizzati (… io in genere mi ci addormento pure)

- Non mi piace la pasta a Parigi ( cambiare città?)

- Capitano con accento grave (se è grave, va curato)

- Maalox gatto (hai il gatto con la gastrite?)

- Mi assaliscono (i dubbi sul tuo italiano, spero)

- Ho sentito bip nella notte (è gravissimo !! Io avrei paura!)

- Posso lavare i capelli con la polmonite (non so, io uso lo shampo)

- Bastoncini Findus al sugo (devono essere ottimi davvero!)

- Dove dorme il polpo (e questi so’ problemi…)

- Spero che tu ti ricorda (se mi ricorderei, ti inviassi una grammatica)

- Posso tagliarmi i capelli lunghi (no, non credo...)

- Anche Grazia lo sa (Abbeh!, proprio a noi vuoi tenerlo segreto?)


VIAGGI

- Gratta e vinci ciabatte (ma che delusione ...)

- Paesi che possono andare in svizzera (uhm...)

- Comprare una gallina a londra (viva??!!)

- La mia ragazza si è offesa (e io cosa c'entro?)

- Siti strani per imparare a rubare (cooosa?!)

- Meglio dentifricio nuovo o aperto su aereo (mah!)

- Crea la tua carta d'identita (io me la faccio giallo fluorescente!)

- Prenoto un biglietto del treno e poi non parto (... vuoi un premio?)

- Come si fanno addizioni online (... usare la calcolatrice?)

- Una stanza con le fate (esigente!)

- La paura aiuta (a far cosa?!)

- Fucili sui voli Ryanair (Certo! Ad ogni posto, c'è l'appoggia-fucile!)

- Traghetto tirrenia rubano in auto? (sulla brochure non c'é scritto)

- Chiamare dall'estero in italia si paga? (secondo te?)

- Come andare in bagno a parigi (cerchi "Toilette")

- Quanto deve sapere il bagaglio a mano (io non nascondo mai nulla al mio bagaglio!)

- La Ryanair perde i bagagli? (è un servizio compreso nel prezzo?)

- Dormire a parigi nella Torre Eiffel (poi mandami le foto!)

- Numero di volte andare in bagno (guarda... è a tua discrezione)

- Sono andato a Londra in treno (ma che bravo!)

 
Si ringrazia per le perle: 

Ortografia ... ancora dubbi ?


DIFFICOLTA' ORTOGRAFICHE
  • GN è seguito sempre da A, E O U con eccezione di COMPAGNIA dove GN è seguito da I.
  • SCE non vuole la I prima della E con eccezione di SCIENZA e derivati, COSCIENZA e derivati.
  • CE non vuole solitamente la I prima delle E con eccezione CIELO, CIECO, SOCIETA', SUPERFICIE, SPECIE, ARCIERE, SUFFICIENZA e derivati, EFFICIENZA e derivati, BRACIERE, CROCIERA ...
  • CIA e GIA al plurale mantengono la I quando preceduti da vocale: FARMACIA/FARMACIE, BUGIA/BUGIE, ACACIA/ACACIE, VALIGIA/VALIGIE, CAMICIA/CAMICIE; perdono la I invece se preceduti da consonante TRECCIA/TRECCE, SPIAGGIA/SPIAGGE, PROVINCIA/PROVINCE
  • Pur avendo QU e CU stesso suono QU è seguita dalle vocali A, E, I, O, CU è seguita da consonante. Con eccezione: CUORE, CUOCO, CUOIO, SCUOLA, CIRCUITO, INNOCUO, CUI, VACUO, ARCUATO, COSPICUO, ACUIRE, PROFICUO, PROMISCUO, RISCUOTERE, SCUOIARE, SCUOTERE, CUOCERE, EVACUARE, PERCUOTERE ...
  • SOQQUADRO è l'unica parola con due Q, legli altri casi il rafforzamento della consonante avviene con CQ: ACQUA e derivati, ACQUISTARE, ACQUISIRE, GIACQUE, NACQUE, PIACQUE
  • Nella divisione in sillabe le lettere doppie si dividono sempre: MP = M-P, MB = M-B, CQU = C-QU.
  • La lettera S (impura) va sempre a capo con la consonante che la segue: RO-SPO, PO-STO.
L'ELISIONE

Si ha l'elisione quando una vocale a fine parola si trova davanti ad un'altra parola che inizia con una vocale.
L'apostrofo è il simbolo grafico per indicare l'elisione. L'elisione è obbligatoria con:
  • gli articoli LA (e sue preposizioni articolate), LO (e sue preposizioni articolate), UNA 
  • gli aggettivi QUELLA, QUELLO, BELLA, BELLO, SANTA, SANTO e ALCUNA e NESSUNA seguite da ALTRA (alcun'altra, nessun'altra)
  • la particella CI seguita dal verbo ESSERE alla 3a persona (c'è, c'era, c'erano ...)
  • alcune espressioni: anch'io, d'ora in poi, d'altronde, nient'altro, tutt'al più, d'accordo ...
L'ACCENTO

Va messo / Non va messo:
  • (verbo dare) / da (preposizione)
  • (giorno) / di (preposizione)
  • è (verbo essere) / e (congiunzione)
  • (avverbio luogo) / la (articolo)
  • (avverbio luogo) / li (pronome)
  • (congiunzione) / ne (particella pronominale)
  • (avverbio) / si (pronome)
  • (pronome) / se (congiunzione)
  • (nome - gradisci un tè?) / te (pronome)
Non vogliono l'accento: do, fu, fa, qui, qua, so, sta.

L’accento NON si mette nelle note musicali.

L’accento NON si usa sui monosillabi (con l’eccezione di ciò, può, già, più, giù, piè). In particolare non si mette l’accento sui qui, qua, so, sa, sto, sta, va, tra, fra, fu, fa, tre, blu, no, re.

Vogliono l’accento:

  • le parole dove l’accento cade nella seconda sillaba (tronche): città, andò, lunedì.
  • nei seguenti monosillabi, tutti gli altri invece non lo vogliono: ciò, può, già, più, giù, piè.
IL TRONCAMENTO

Si ha il troncamento quando la vocale finale di una parola E o O è preceduta dalla consonante L, M, N, R e la parola seguente inizia per vocale o per consonante diversa da S impura, Z, GN, PS, X. Il troncamento non vuole mai l'apostrofo (neanche nell'espressione QUAL E'). Il troncamento è obbligatorio con:
  • l'articolo UNO ( un gioco ...)
  • gli aggettivi e pronomi ALCUNO, NESSUNO, CIASCUNO (ciascun bambino ...)
  • gli aggettivi BELLO, BUONO, GRANDE, SANTO (buon giocatore, San Pietro...)
  • i titoli SIGNORE, PROFESSORE, DOTTORE, INGEGNERE
  • i nomi di FRATE, SUORA (Fra Martino, Suor Angela)
LA CADUTA DELLA SILLABA FINALE

L'apostrofo su PO' (poco), DA' (dai), DI' (dici), FA' (fai), STA' (stai), VA' (vai), non indica troncamento bensì la caduta della sillaba finale.

LA PUNTEGGIATURA 
  • Il PUNTO indica una lunga pausa e pone fine ad un periodo
  • La VIRGOLA indica una pausa breve
  • Il PUNTO E VIRGOLA indica una pausa un po' più lunga della virgola
  • I DUE PUNTI introducono il discorso diretto, una precisazione, un'elencazione
  • Il PUNTO INTERROGATIVO si pone alla fine di una domanda
  • Il PUNTO ESCLAMATIVO si pone alla fine di una esclamazione
  • Le VIRGOLETTE si usano per delimitare il discorso diretto, per risaltare parole o frasi particolari.

L’ignoranza è il punto di vista che
manca agli uomini di cultura
(Pino Caruso)

Due parole su ... il Teatro Eden


Giuseppe Pirovano costruì alla fine del secolo il Teatro Eden in Foro Bonaparte, ultima importante realizzazione poco prima dell’arrivo del cinematografo, che nel Novecento prenderà sempre più il sopravvento sul teatro.

L'Eden, In questa immagine del 1905, era un teatro, caffè-ristorante, birreria, con locali gioco, biliardo e un giardino pensile sul terrazzo con vista panoramica. I sotterrani ospitavano una pista di pattinaggio adibita talvolta anche a gare ciclistiche.

Il Teatro rimase per lustri il locale più celebre e meglio frequentato di Milano. 
C'è qualcosa in comune tra il calore umano e quello del caffè... L'amarezza
(Laurent Houndegla)

Due parole su ... il Teatro Dal Verme


Qui in una immagine di inizio Novecento, il Teatro dal Verme fu progettato sull'area occupata dal baraccone di legno del Circo Ciniselli che provocava continue proteste tra gli abitanti del quartiere.

I Dal Verme, qualche anno dopo, decisero di acquistarlo per abbatterlo e di utilizzare l'area per erigervi un grande teatro che portasse il nome del casato.

Opera dell'architetto Giuseppe Pestagalli su commissione del Conte Francesco Dal verme fu inaugurato nel 1872.
L'educazione è la continua riorganizzazione
o ricostruzione dell'esperienza
(John Dewey)

Due parole su ... il Portico dei Figini


Il Portico o Coperto dei Figini era un edificio che al piano terreno ospitava il mercato della frutta e verdura. Il progetto fu affidato a Pietro Figino nella seconda metà del Quattrocento ed i i lavori terminarono in pochissimi anni.

Posizionato sul lato settentrionale della piazza, frontalmente al Rebecchino, scomparve intorno al 1875, abbattuto insieme ad altri storici edifici della tradizione popolare,  per far posto alla nuova grande piazza circostante la cattedrale.

Il porticato, benchè popolato da vecchie botteghe ed intensamente frequentato era ormai divenuto ricettacolo di vagabondi, malviventi ed immondizia.
Ogni intervento presuppone una distruzione:
distruggi con senno
(Luigi Snozzi)

Due parole su ... Via Festa del Perdono


L'antico toponimo era Via Ospedale,  l'ospedale era naturalmente il Maggiore, cioè la famosa Cà Granda. Fu per secoli la Contrada e Piazza dell'Ospitale.

La zona venne devastata dai bombardamenti dell'ultima guerra ma al numero 6 esiste ancora un palazzetto del Settecento.

Oggi l'edificio è sede dell’Università degli Studi di Milano, detta anche la Statale di Milano.
Bisogna sempre perdonare i propri nemici:
niente li infastidisce di più
(Oscar Wilde)

Due parole su ... Cascina Campagnola


La cascina Campagnola, detta anche "dei Lavandai", di cui si vede qui una suggestiva immagine del 1910, si affacciava a specchio sul Naviglio Grande.

Vicinissima alla bella chiesetta di San Cristoforo, ha rappresentato per molti anni un pezzo di folklore e di nostalgia per i vecchi milanesi. Qui ferveva una attività importante nella società dell'epoca, lavori umili e indispensabili che suscitavano aneddoti ancor oggi ricordati nella letteratura d'affezione.

Oggi purtroppo sopravvivono solo pochi ruderi.   
Tutti possono essere buoni, in campagna
(Oscar Wilde)

Due parole su ... il Teatro Carcano


Il Carcano si impose sulla scena milanese nel 1801, quando il marchese Giuseppe Carcano decise di trovare spazio per un nuovo teatro, acquistando a tale scopo l'area dell'ex convento di San Lazzaro.

Il teatro venne progettato dall'architetto Luigi Canonica, che prese ispirazione dalla Scala e dal teatro della Cannobiana e venne ristrutturato all'inizio del XX secolo dall'Architetto Moretti (nella foto, risalente al 1905, si vede la facciata morettiana poco dopo il completamento).

Successivamente, la costruzione, frequentata soprattutto dalla nobiltà e dall'alta borghesia, fu nascosta da una cortina di edifici residenziali; l'ingresso rimase da allora identificabile solo tramite un atrio segnalato da una insegna luminosa.    
Il teatro non è altro che il disperato sforzo
dell’uomo di dare un senso alla vita
(Eduardo De Filippo)

Due parole su ... Via Orti

A due passi dalla Mangiagalli, via Orti, qui in una foto degli anni Venti, è un “sentiero” storico del rione di Porta Romana risalente al tempo nel quale vi si coltivavano gli ortaggi.

La zona infatti, un tempo occupata dalle ortaglie, era denominata "Orti dell'Ospedale".

Lungo la via, sopravvissuta ai deliri urbani, resistono ancora oggi piccoli negozi, botteghe artigiane e antichi portoni.    
Mangiare è un atto agricolo
(Wendell Berry)

Due parole su ... Via Manzoni

Via Manzoni, già via del Giardino, fu la prima strada di Milano ad essere selciata, nel 1271, in fregio alle case dei Torriani, signori di Milano.

I giardini della potente famiglia diedero nome alla chiesa di Santa Maria del Giardino, abbattuta nel 1863, e successivamente alla corsia.
La strada acquisì l'attuale toponimo il giorno dopo la morte dello scrittore, nel 1873.

E' una tra le vie di Milano piu' ricche di storia e monumenti, dagli archi di Porta Nuova alla chiesa di San Francesco di Paola, dal museo Poldi Pezzoli, al Grand Hotel de Milan dove, il 27 gennaio 1901, morì Giuseppe Verdi.    
Non sempre quello che viene dopo è progresso
(Alessandro Manzoni)

Due parole su ... Via Bottonuto


La via, qui in una foto del 1936, in origine era una pusterla, una piccola porta nelle mura romane. Situata ad est del Duomo, il nome forse deriva dal termine «bottino», pozzetto per le acque di scarico.

La contrada era fatta di popolo: povera gente, poche regole e molto degrado; c'era il vicolo del Bottonuto, dove ora è via Albricci, e il rione tutt'intorno.

Un dedalo di vicoli che collezionavano cantoni maleodoranti, case chiuse, vespasiani e friggitorie a ogni angolo, allorchè, nei primi anni Cinquanta del XX secolo iniziarono gli abbattimenti per la riqualificazione del centro urbano.    
Anche la miseria è un'eredità
(Riccardo Bacchelli)