Patata Americana





Originaria dell’America Latina la Ipomoea batatas, questo il nome scientifico, in Italia è conosciuta come Patata Americana o patata dolce. Coltivata come prodotto alimentare, nel nostro paese è molto diffusa come pianta ornamentale da appartamento. L’autunno è il periodo in cui la troviamo in vendita ed è il momento giusto per coltivarla. Facile da coltivare, simpatica, di sicura riuscita ed economica, la Patata Americana è anche graditissima ai bambini che con essa possono cimentarsi nei primi esperimenti scientifici.

La coltivazione avviene in idrocoltura; prendete un barattolo o un bicchiere, riempitelo d’acqua ed immergertevi il tubero per circa metà della sua altezza, mentre la restante parte dovrà rimanere fuori dal contenitore. Puo' essere utile, affinchè il tubero non tocchi il fondo del bicchiere ed abbia lo spazio necessario per produrre le sue radici, tenerlo sollevato con degli stuzzicadenti.
Il vaso va posizionato in una zona della casa con discreta luce e temperatura superiore ai 13°, assicurandosi che vi sia sempre acqua e che le radici rimangano sommerse.
Nel giro di qualche giorno cominceranno a spuntare all’interno del vaso le prime radici, mentre dalla porzione esterna germoglieranno i fusti dai quali non tarderanno a crescere tenere foglie di colore verde chiaro. Dopo un paio di mesi avrete una pianta con lunghi fusti ricchi di foglie che potrete far arrampicare su tralicci o altri sostegni, o calare da mensole o panieri appesi.
Dopo 3/4 mesi il tubero inizierà ad esaurirsi, le foglie cominceranno ad ingiallire e a seccare, e a quel punto la patata dovrà essere scartata.
Fior di patata
sbocciato nel campo
a fronte del giglio
non chinar la testa
ché fulgido questo
d’intenso profumo
sfiorito val nulla
tu invece al raccolto
gradito sei cibo
(Michele Prenna)